Estintore Co2: l’anidride carbonica come agente estinguente

Estintore Co2Uno degli estintori più utilizzati, anche in un ambiente domestico, è l’estintore Co2.
Come funziona l’estintore Co2?
Anche chi ha poche conoscenze in materia di chimica, sa che Co2 sta per anidride carbonica. Quindi, la prima caratteristica sta proprio nell’uso dell’anidride carbonica come materiale per lo spegnimento dell’incendio.
Ma come fa l’anidride carbonica ad essere efficace sul fuoco?
Il tuo estintore antincendio Co2 è dotato di una bombola d’acciaio. All’interno del serbatoio c’è l’anidride carbonica compressa in uno stato liquido. Una volta premuta la leva, verrà aspirata dell’aria all’interno e il liquido una volta uscito diventerà una semplice neve carbonica, che sarà in grado di domare l’incendio.
Cos’è la neve carbonica?
La neve carbonica è sempre l’anidride carbonica trasformatasi in stato solido che, dopo pochissimo tempo, si sublimerà trasformandosi in uno stato aeriforme senza lasciare alcun residuo.
Adesso, non ci resta che scoprire le varie classi d’incendio e valutare quali si abbinano all’estintore Co2.
Non sai cosa sia una classe d’incendio?
Te lo spiegheremo tra brevissimo.

Estintore ad anidride carbonica: le diverse classi

Ci eravamo lasciati con una domanda: cosa si intende per classe di incendio?
Ebbene, questo termine sta ad indicare il materiale liquido, solido o gassoso che ha provocato l’incendio. A seconda del materiale avremo diverse classi d’incendio, che adesso andremo a descrivere.

  • Classe A: fuoco provocato da materiali solidi come il legno, i tessuti, la carta eccetera.
  • Classe B: fuoco provocato da materiali liquidi come la benzina e l’alcol.
  • Classe C: fuoco provocato da materiali gassosi.
  • Classe D: fuoco provocato dai metalli come lo zinco.
  • Classe E: estintore che è possible utilizzare su impianti elettrici.
  • Classe F: fuoco provocato da olio vegetale o animale. Quindi, riguardano tutti quegli incendi che possano nascere anche in una classica cucina familiare o nella cucina di un ristorante.

Abbiamo elencato tutte le classi d’incendio, ma tu devi tenere bene in mente che l’estintore ad anidride carbonica è pienamente efficace sulle classi B, C ed E. Poco efficace sulla classe A se si è già formata la brace. Bene, dopo aver visto le varie classi d’incendio, non ti resta che valutare un altro aspetto molto importante, ovvero il peso.

Estintore 2 kg, 5 kg o 6 kg?

La scelta del peso è un altro di quei fattori che bisogna attentamente valutare, se no si rischia di prendere un estintore dal peso eccessivo e non funzionale al tuo fabbisogno. Per questo, abbiamo suddiviso i vari estintori Co2 in base al peso. E da quest’ultimo fattore abbiamo individuato il luogo di utilizzo ideale.
Ovviamente, tieni presente che maggiore sarà il pesomaggiore sarà la potenza di spegnimento.

  • Estintore da 2 kg: ideale per l’auto, la barca e i quadri elettrici di piccole dimensioni.
  • Estintore da 3 Kg a 4 kg: anche in questo caso è ideale per le imbarcazioni, l’auto e i quadri elettrici. La copertura sarà maggiore rispetto ai precedenti.
  • Estintore da 5 a 6 kg: è un peso specifico per gli estintori ad anidride carbonica. L’uso non si differenzia da quelli precedenti anche se in questo caso è ideale per un uso in casa.
  • Estintore da 9 kg a 12 kg: ideali per gli ambienti più grandi.
  • Estintore da 27 a 54 kg: se prima parlavamo di ambienti più grandi, non possiamo che dire lo stesso per questi estintori, con l’unica differenza che in questo caso parliamo di estintori Co2 carrellati.

Se non sai cosa si intende per carrellato, non avere “timore” perché adesso ti spiegheremo proprio la differenza tra un estintore Co2 carrellato e un estintore Co2 portatile.
Qual è la differenza tra un estintore antincendio Co2 portatile ed un estintore antincendio Co2 carrellato?
La differenza sta nel peso, innanzitutto. In generale, l’estintore antincendio portatile non pesa più di 18 kg. Mentre, l’estintore antincendio carrellato pesa più di 18 kg. Inoltre, l’estintore carrellato ha proprio un carrello con ruote che ne facilita il trasporto (visto il peso non indifferente). In alcuni casi, potrebbe essere un carrello motorizzato quando l’estintore raggiunge il peso di 100 kg.

Differenza tra estintori a polvere e co2?

Spesso ci si chiede in cosa consiste la differenza tra un estintore Co2 e un estintore a polvere. Andiamo a scoprirlo assieme.
La primissima differenza riguarda l’agente estinguente. Nel caso degli Co2 abbiamo l’anidride carbonica. Per l’estintore antincendio a polvere, per l’appunto, abbiamo la polvere.
La seconda differenza sta nel diverso utilizzo. Ovvero: un estintore ad anidride carbonica non può essere utilizzato per le classi d’incendio D, F e ha scarsa efficacia sui materiali solidi. Mentre, l’estintore antincendio a polvere ci va proprio a nozze con i materiali solidi.
La terza differenza è a favore dell’estintore antincendio Co2, visto che non lascia residui. Grazie alla neve carbonica che si sublima senza lasciare traccia. Al contrario della polvere che si insinuerà in ogni spazio disponibile.

Estintore Co2: prezzo

Siamo arrivati alla fine di questa descrizione sull’estintore Co2. Come hai potuto leggere e comprendere, l’estintore ad anidride carbonica è perfetto per incendi dove sono coinvolti gas e liquidi. Inoltre, è l’ideale per gli impianti elettrici e, infatti, la normativa sulla prevenzione degli incendi prevede che il tuo estintore Co2 sia posizionato proprio in prossimità di quadri elettrici.
Starà a te valutare il peso, scegliendo attraverso il nostro schema sui pesi, in modo da regolarti sull’acquisto migliore. Poi, ovviamente, nulla ti vieta di acquistare un estintore da 2 kg per tenerlo in casa. L’importante è che tu sia conscio del fatto che un estintore da 2 kg ha una minore potenza di spegnimento rispetto ad un altro di 5 kg.
Premesso questo, possiamo solo dirti che l’estintore antincendio Co2 non solo è un prodotto importante per la tua sicurezza, ma è anche economico. Naturalmente restando sempre nell’ambito dei modelli non troppo pesanti.

Approfitta delle offerte dedicate agli estintori in Co2:

 

Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre 2019 6:31